editoriale, english articles

Festa della mamma (ita+engl version)

Festa della mamma

In questo giorno così speciale, omaggiamo le nostre madri con le parole di Kahlil Gibran e con una galleria di foto che vogliono render onore a tutte quante loro. Parliamo di madri di figli propri e/o di figli partoriti da altre donne ma anche di madri non ancora tali ma desiderose di esserlo, senza dimenticare quelle donne che lo sono pur non avendo figli perché sono capaci di donare se stesse appieno esattamente come se lo fossero.

La parola più bella 
sulle labbra del genere umano è Madre”
e la più bella invocazione è “Madre mia”. 
E’ la fonte dell’amore, della misericordia, 
della comprensione, del perdono. 
Ogni cosa in natura parla della madre.

Kahlil Gibran
fonte della citazione: http://www.aurorablu.it/frasi/Frasi_Mamma.htm

Maria Domenica Depalo

Mother’s Day

In this special day, we want to homage our mothers with the words of Kahlil Gibran and with a gallery of photos that want to honor all of them. We make honor to all the mothers of the world not only of those ones that have children but also to the mothers who want to realize that desire and those women who don’t have children but  are able to give themselves fully exactly as if they were mothers.

The most beautiful word
on the lips of mankind  is “Mother”,
and the most beautiful invocation is “My Mother”.
It is the source of love, of mercy,
of understanding, of forgiveness.
Everything in nature speaks of the mother.

Kahlil Gibran
source of the poem: http://www.aurorablu.it/frasi/Frasi_Mamma.htm

Maria Domenica Depalo

 

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

Annunci
giornali
editoriale

World press freedom day 2018 (ita version)

World press freedom day 2018

Oggi 3 maggio, celebriamo la “Giornata mondiale della libertà di stampa”. Ogni giorno ci sono centinaia di giornalisti ma anche blogger che rischiano la vita per testimoniare ciò che accade soprattutto in quei luoghi nei quali non c’è spazio alcuno per la libertà e la democrazia oppure dove domina il crimine.

“Invito i governi a rafforzare la libertà di stampa e a proteggere i giornalisti. Promuovere la stampa libera è fondamentale per il nostro diritto alla verità”, afferma Antonio Guterres, segretario dell’ONU. (da https://tg24.sky.it/mondo/2018/05/02/giornata-mondiale-liberta-di-stampa.html)

Questo evento, organizzato dall’Onu e dalla Repubblica del Ghana, ha affrontato temi di fondamentale importanza inerenti la politica, la cultura e la crescente importanza dei media e della loro influenza sulla società.

typewriter
fonte: https://pixabay.com/it/macchina-da-scrivere-antico-vintage-2653187/

A Roma, nel Liceo Tamiani, giornalisti come Paolo Borrometi, presidente di Art. 21, hanno parlato della loro vita costantemente minacciata dalla criminalità organizzata. A tal proposito ricordiamo Peppino Impastato ucciso in Sicilia dai killer della mafia perché non aveva paura di dire la verità sul crimine nella sua regione.

Il presidente italiano Mattarella ha dichiarato: «In occasione della XI Giornata della memoria dedicata ai giornalisti uccisi da mafie e terrorismo organizzata dall’Unione Nazionale Cronisti Italiani, desidero esprimere anzitutto i miei sentimenti di vicinanza e di solidarietà ai familiari, agli amici, ai compagni di vita e di lavoro, che hanno visto spezzare l’esistenza di un loro caro. La ricerca della verità, con tenacia, coraggio, intuizione, intelligenza, rigore, ha accompagnato l’impegno di persone consapevoli, che hanno messo la loro professionalità al servizio della crescita della società. Ed è proprio grazie a questi uomini e a queste donne, al loro lavoro, che, dove prima vi era diffusa omertà, ora spesso sono presenti simboli delle associazioni impegnate contro la mafia. Dove vi era silenzio dettato dal timore, o dalla connivenza, ora vi sono le parole, forti e coraggiose, dei nostri ragazzi. Dove c’era indifferenza o rassegnazione, ora si insegna la legalità. Una nuova stagione di violenze contro la stampa, in Italia, in Europa, nel mondo, sembra riaffacciarsi:ancora oggi aggressioni e intimidazioni minacciano il lavoro di quei cronisti che non si piegano alla logica di interessi e poteri illegali e della criminalità, recando così un contributo rilevante alla causa della democrazia. Occorre sostenere il loro lavoro perché difendono dall’aggressione la nostra vita sociale e la nostra libertà personale e familiare, attraverso l’informazione libera e corretta. Occorre proteggere le loro voci che rifiutano ogni sopraffazione. La libertà di informazione, come attesta la nostra Costituzione, è fondamento di democrazia».(da http://www.ilsecoloxix.it/p/cultura/2018/05/03/ACKSV2TD-liberta_mondiale_giornata.shtml)

Maria Domenica Depalo

giornali
editoriale, english articles

World press freedom day 2018

World press freedom day 2018

Today, May the 3rd, we celebrate the “World press freedom day”. Instituted in 1993, this day remembers the journalists and bloggers who risk their life every day in order to let know to each of us what happens in every corner of the world. Especially in that one where there is no place for freedom and democracy, where the crime dominates and the fear to express your own opinion is too strong.

“I ask the governments to strengthen the freedom of the press and to protect the journalists. Promote free press is fundamental to our right to the truth”, says Antonio Guterres, secretary of Onu. (transl. from https://tg24.sky.it/mondo/2018/05/02/giornata-mondiale-liberta-di-stampa.html)

The principal event has been organized by Onu and the Republic of Ghana where it has taken place. The themes addressed embrace politics, culture and the increasing importance of the media and their influence on the society.

typewriter
fonte: https://pixabay.com/it/macchina-da-scrivere-antico-vintage-2653187/

This day is celebrated everywhere. In Rome, in the Liceo Tamiani,  journalists like Paolo Borrometi, president of Art. 21, has talked about their life constantly menaced by crime. Let’s remember Peppino Impastato killed in Sicily by the killers of Mafia because he wasn’t afraid to say the truth about crime in his region.

The Italian president Mattarella has sayed «On the occasion of the XI Memorial Day dedicated to journalists killed by mafias and terrorism organized by the National Union of Italian Reporters, I wish to express first of all my feelings of closeness and solidarity to family members, friends, life and workmates, who assisted to the end of the existence of their loved one. […] They have put their professionalism at the service of the growth of society. And thanks to these men and women, to their work, where before there was widespread silence, now there are often symbols of associations against the Mafia. Where there was silence dictated by fear, or by connivance, now there are the words, strong and courageous, of our boys. Where there was indifference or resignation, now legality is taught. A new season of violence against the press, in Italy, in Europe, in the world, seems to reappear: even today aggressions and intimidation threaten the work of those reporters who don’t bend to the logic of illegal interests and powers and crime, thus bringing a significant contribution to the cause of democracy. It is necessary to support their work because they defend our social life and our personal and family freedom through aggression, through free and correct information. It is necessary to protect their voices that refuse every abuse. Freedom of information, as our Constitution attests, is the foundation of democracy “.(translation of http://www.ilsecoloxix.it/p/cultura/2018/05/03/ACKSV2TD-liberta_mondiale_giornata.shtml)

Maria Domenica Depalo

 

 

pope
editoriale, english articles

Pope Francis in Molfetta

Pope Francis in Molfetta

Faith, devotion and joy have animated an incredible day. Molfetta, a pleasant and welcoming city of Puglia, in the province of Bari, welcomed the beloved Pope Francis on April 20.

The occasion of his presence here was the dies natalis of Don Tonino Bello, our beloved bishop, an extraordinary example of faith, generosity and love for the others who has left us a message of devotion and gratuitousness that is always current and strongly felt.

tonino
fonte: http://web.tiscali.it/inartimal/images/tonino.jpg

Pope Francis arrived in Molfetta after being first in Alessano in the province of Lecce to pray at the tomb of our bishop who disappeared just 25 years ago.

The helicopter carrying Pope Francis should have landed near the Cathedral around ten o’clock but it was late. So the Pope first celebrated the holy mass surrounded by bishops, priests and seminarians and then with the Papamobile he skirted the sea arriving at the port authority, the cathedral and the municipal park.

People also came from the neighboring cities with cars, trains, bicycles or even on foot, regardless of the weather, their age and their tiredness, has crossed the streets of a Molfetta armored since the early hours of dawn.

The affection and love of 40000 people were perceived in the air. Children, men and women have followed with attention and devotion the words of the pope focused on the concepts of service and sharing with others.

“The other is a face to be discovered and caressed … We are called to love every face […] to be builders of peace,” said the Pope who added “We must avoid suffering life. said Don Tonino! Always get up! “. The call for activism clearly appears, although this may involve risks.

“It is an uncontrollable emotion – commented the bishop of Molfetta, Monsignor Domenico Cornacchia – because it is a joy of a territory, of a hard-working region and of faith […] we hope it will be the beginning of a renewal of the territory, of consciences, of believers and not “. (From http://bari.repubblica.it/cronaca/2018/04/18/news/il_papa_in_puglia_molfetta_si_blinda_niente_aerei_e_barche_previste_misure_contro_attacchi_chimici-194214279/)

Here are some images of this extraordinary and incredible day and the message of the bishop of our diocese.

rosa
I Molfettesi sono particolarmente devoti alla Madonna dei martiri e nelle sue mani verrà posta questa rosa d’oro proprio dal nostro papa. fonte: http://www.quindici-molfetta.it/ecco-la-rosa-d-oro-che-domani-papa-francesco-porra-fra-le-mani-della-statua-della-madonna-dei-martiri-a_42246.aspx

The image above shows the rose given, like a gift of our Pope, to the beloved Madonna dei Martiri.

Links:

https://freewordsmagazine.wordpress.com/2018/04/20/molfetta-papa-francesco-ricorda-don-tonino-bello/http://www.quindici-molfetta.it/ecco-la-rosa-d-oro-che-domani-papa-francesco-porra-fra-le-mani-della-statua-della-madonna-dei-martiri-a_42246.aspx

http://www.giovinazzolive.it/news/attualita/712767/cresce-lattesa-per-il-papa-da-giovinazzo-partiranno-in-1500-sveglia-allalba-e-tanta-emozione

http://bari.repubblica.it/cronaca/2018/04/18/news/il_papa_in_puglia_molfetta_si_blinda_niente_aerei_e_barche_previste_misure_contro_attacchi_chimici-194214279/

Maria Domenica Depalo

pope
editoriale

Papa Francesco a Molfetta

Papa Francesco a Molfetta

Fede, devozione e gioia hanno animato una giornata incredibile. Molfetta, ridente ed accogliente città della Puglia, in provincia di Bari, ha accolto intrepida e felice l’amatissimo papa Francesco il 20 aprile.

L’occasione della sua presenza qui è stata il dies natalis di don Tonino Bello, nostro amatissimo vescovo, esempio straordinario di fede, generosità e amore verso il prossimo che ci ha lasciato un messaggio di devozione e di gratuità sempre attuale e fortemente sentito.

tonino
fonte: http://web.tiscali.it/inartimal/images/tonino.jpg

Papa Francesco è giunto a Molfetta dopo essere stato prima ad Alessano in provincia di Lecce per pregare sulla tomba del nostro vescovo scomparso proprio 25 anni fa.

L’elicottero che trasportava Papa Francesco sarebbe dovuto atterrare nelle vicinanze del Duomo intorno alle dieci ma vi è arrivato con un leggero ritardo. Questa è la ragione per cui il pontefice ha prima celebrato messa circondato da vescovi, sacerdoti e seminaristi e poi con la Papamobile ha costeggiato il mare arrivando alla  Capitaneria di porto, alla cattedrale e in villa comunale.

La gente giunta anche dalle città limitrofe con auto, treno, bici o persino a piedi, incurante del tempo, della propria età e della propria stanchezza, ha solcato le strade di una Molfetta blindatissima sin dalle prime ore dell’alba.

L’affetto ed il calore di 40000 persone si percepivano nell’aria. Bambini, uomini e donne hanno seguito con attenzione e devozione le parole del pontefice incentrate sui concetti di servizio e di condivisione con gli altri.

“L’altro è un volto da scoprire e da accarezzare. Noi siamo chiamati ad amare ogni volto […] ad essere costruttori di pace”, ha affermato il Papa che ha aggiunto “Bisogna evitare di subire la vita. In vita, diceva don Tonino! Alzarsi sempre!”. Appare chiaramente l’invito all’attivismo, per quanto questo possa comportare dei rischi.

“E’ un’emozione incontenibile – commenta il vescovo di Molfetta, monsignor Domenico Cornacchia – perché è una gioia di un territorio, di una regione laboriosa e di fede. La nostra terra di Puglia credo faccia scuola a molte altre regioni: è una emozione collettiva e noi ci auguriamo sia l’inizio di un rinnovamento del territorio, delle coscienze, dei credenti e non”. (da http://bari.repubblica.it/cronaca/2018/04/18/news/il_papa_in_puglia_molfetta_si_blinda_niente_aerei_e_barche_previste_misure_contro_attacchi_chimici-194214279/)

A seguire alcune immagini di questo giorno straordinario ed incredibile ed il  messaggio del vescovo della nostra diocesi.

rosa
I Molfettesi sono particolarmente devoti alla Madonna dei martiri e nelle sue mani verrà posta questa rosa d’oro proprio dal nostro papa. fonte: http://www.quindici-molfetta.it/ecco-la-rosa-d-oro-che-domani-papa-francesco-porra-fra-le-mani-della-statua-della-madonna-dei-martiri-a_42246.aspx

 

 

 

Link:

https://freewordsmagazine.wordpress.com/2018/04/20/molfetta-papa-francesco-ricorda-don-tonino-bello/

http://www.quindici-molfetta.it/ecco-la-rosa-d-oro-che-domani-papa-francesco-porra-fra-le-mani-della-statua-della-madonna-dei-martiri-a_42246.aspx

http://www.giovinazzolive.it/news/attualita/712767/cresce-lattesa-per-il-papa-da-giovinazzo-partiranno-in-1500-sveglia-allalba-e-tanta-emozione

http://bari.repubblica.it/cronaca/2018/04/18/news/il_papa_in_puglia_molfetta_si_blinda_niente_aerei_e_barche_previste_misure_contro_attacchi_chimici-194214279/

Maria Domenica Depalo

young
domande, editoriale

Immaginazione, fantasia e fumetti

Immaginazione, fantasia e fumetti

Cari amici della filosofia,

prosegue il nostro percorso per comprendere le molteplici manifestazioni della fantasia e dell’immaginazione. Ma quest’ultima in particolare cos’è?

Secondo Aristotele, l’immaginazione è una caratteristica tipica degli esseri “dotati di sensazioni”: i sensi infatti giocano un ruolo importante quando immaginiamo. Tuttavia non dobbiamo sentirci in alcun modo limitati da essi: la nostra mente infatti può “creare” partendo dalla realtà che ci circonda e che percepiamo attraverso i sensi ma può anche “creare” ex novo dando vita a mondi, dimensioni e creazioni inesistenti.

gem lauris
fonte: Photo by Gem & Lauris RK on Unsplash

A tal proposito, non possiamo non pensare al mondo dei fumetti ed in particolare al “Torino Comics” tenutosi presso il Lingotto Fiere di Torino ed appena concluso. Supereroi, personaggi, cosplay e chi più ne ha più ne metta si sono alternati in occasione di questo vero e proprio festival della creatività, fantasia e immaginazione.

Tre giorni tutti dedicati al fumetto ma non solo: workshops dedicati al disegno grafico, momenti di riflessione su temi sensibili quali la discriminazione e la diversità e la loro rappresentazione, laboratori di Manga, fotografie, studi di chiaro e scuro e persino “Ritratto fantasy di razze fantastiche” con Andrea Bertone. Davvero per tutti i gusti e passioni!

La 24° edizione del festival ha visto la partecipazione di ben 56000 persone, protagoniste in prima persona di questa manifestazione. Semplici curiosi ma anche appassionati sono stati parte di una realtà sicuramente molto diversa da quella quotidiana. Basti pensare ai cosplayer che, singoli o in coppia, hanno partecipato all’International Cosplay Leaugue.

Ma perché secondo voi questi eventi hanno tanto successo? Cosa può spingere delle persone dalla vita comune ad indossare abiti singolari ed a comportarsi come i protagonisti di videogiochi, cartoni e fumetti? Qual è in sostanza il motivo per cui ci si rifugia nella fantasia?

jrkorpa

Link:

www.torinocomics.com

http://torino.repubblica.it/cronaca/2018/04/14/foto/cosplayer_e_fumetti_al_lingotto_per_il_torino_comics-193881750/

http://www.treccani.it/enciclopedia/immaginazione_%28Dizionario-di-filosofia%29/

Maria Domenica Depalo

fantasy
domande, editoriale

La fantasia

La fantasia

Da oggi riprende la nostra rubrica “Domande”. Ogni settimana rifletteremo insieme su noi e su ciò che ci circonda attraverso un quesito al quale ognuno potrà rispondere in libertà.

Ricominciamo, partendo da una frase celeberrima pronunciata dal filosofo francese Cartesio, uno dei padri della matematica e della filosofia moderna: Cogito ergo sum, penso quindi sono. Tale enunciato lega la nostra esistenza al pensiero nel senso che la nostra capacità di congetturare e di dubitare è la prova stessa del nostro esistere.

Pensiamo e quindi esistiamo. Tuttavia questo pensare non coincide solo con la capacità di formulare pensieri e di strutturare ragionamenti logici e razionali. Il pensiero è legato anche e soprattutto all’immaginazione e alla fantasia.

Da qui il nostro quesito che va inteso come un punto di partenza di un viaggio che ha come destinazione la fantasia. Ma non voglio anticiparvi nulla.

Intanto, se vi va, rispondete pure a questa domanda ed osservate l’immagine:

Quanto conta per voi la fantasia?

La storia infinita
fonte: Di Johnny Freak – fotogramma, Copyrighted, https://it.wikipedia.org/w/index.php?curid=4947608

Maria Domenica Depalo

 

 

 

 

cross
editoriale

Buona Pasqua

Buona Pasqua

Sofiailpensierofilosofico augura a tutti i  suoi lettori, vecchi e nuovi, una buona e santa Pasqua e lo fa con una preghiera di don Tonino Bello

SOLO QUANDO AVREMO TACIUTO – Don Tonino Bello

Solo quando avremo taciuto noi,
Dio potrà parlare.
Comunicherà a noi solo sulle sabbie del deserto.
Nel silenzio maturano le grandi cose della vita:
La conversione, l’amore, il sacrificio.
Quando il sole si eclissa pure per noi,
E il Cielo non risponde al nostro grido,

E la terra rimbomba cava sotto i passi,
E la paura dell’abbandono rischia di farci disperare,

Restaci accanto.
In quel momento, rompi pure il silenzio: per dirci parole d’amore.
E sentiremo i brividi della Pasqua!

passion
fonte: https://pixabay.com/it/passione-croce-venerd%C3%AC-santo-3111247/

Link:

https://paroledisaggezza.altervista.org/riflessioni-pasqua/

http://www.famigliacristiana.it/articolo/don-tonino-bello-passo-avanti-per-il-processo-di-canonizzazione.aspx

Maria DomenicaDepalo

 

editoriale

Ciao Fabrizio

Ciao Fabrizio

Ci ha lasciato il celebre presentatore televisivo Fabrizio Frizzi.

È morto ieri per un’emorragia celebrale nell’ospedale Sant’Andrea di Roma.

Nominato commendatore nel 2015, era uomo di spettacolo ma soprattutto persona di una gentilezza e cordialità straordinarie.

Lo ricorderemo per le sue trasmissioni ma soprattutto per la sua profonda umanità ed empatia nonché per la sua dote personalissima di entrare in relazione con il prossimo.

Ci mancherà la sua presenza costante come uomo e persona perbene.

Ciao Fabrizio.

Link: https://freewordsmagazine.wordpress.com/2018/03/26/addio-fabrizio/

Maria Domenica Depalo

cuore
domande, editoriale

Destiny e Israel

Destiny e Israel

Al confine francese, nel tentativo di fuggire alla fame e disperazione ma soprattutto alla malattia, una giovane donna nigeriana in attesa ha chiesto aiuto per se stessa ma soprattutto per il suo bambino. La sua richiesta però non è stata ascoltata e lei non è stata accolta perché clandestina.

Malata di cancro ed incinta, Destiny è stata respinta al confine francese. Non è stata neppure portata all’ospedale dai gendarmi. Le sono stati negati la speranza e la possibilità di un sogno.

Lei e suo marito volevano solo raggiungere la Francia per iniziare una nuova vita con il loro bambino ma ciò non è stato possibile. Le autorità francesi non l’hanno reso possibile e quindi è rimasta in Italia dove, portata in ospedale, è stata operata per riuscire a salvare il piccolo.

Israel è nato ma sua madre che ha lottato fino all’ultimo si è spenta per sempre sognando un futuro che le è stato negato.

Può la rigida applicazione delle leggi e delle regole soppiantare quell’umanità che dovrebbe caratterizzarci e distinguerci come specie ma soprattutto come persone?

Maria Domenica Depalo

cuore
fonte: https://pixabay.com/it/apophysis-frattali-emozione-angelo-3247779/