Quesito numero cinquantacinque

heart

Quesito numero cinquantacinque 

Care amiche ed amici della filosofia,

ho pensato di rendervi partecipi dei versi di Ada Luz Marquez,  talentuosa poetessa spagnola contemporanea, amante della natura nonché blogger. Ho scelto questi versi profondi e bellissimi perché sono un invito alla pazienza e all’attesa del bello.

Il bello è l’amore e questo è un  fiore che attende solo di sbocciare in noi e fuori di noi. Ha i suoi tempi che variano da persona a persona. Tuttavia non sempre ce ne ricordiamo ed impazienti gli giriamo intorno sperando che sbocci prima ma non serve. Dobbiamo solo attendere ed abbracciare il nostro personale inverno in attesa della primavera.

Cosa pensate delle attese?

“Non insistere
il fiore non sboccia
prima del giusto tempo.
Neanche se lo implori
neanche se provi ad aprire i suoi petali
neanche se lo inondi di sole.
La tua impazienza 
ti spinge a cercare la primavera
quando avresti solo bisogno di
abbracciare il tuo inverno.”
Ada Luz Márquez

background
fonte: https://pixabay.com/it/sfondo-natura-legno-fiore-woods-3130513/

Maria Domenica Depalo

 

 

Annunci

Quesito numero cinquantaquattro

Foto

Quesito numero cinquantaquattro

Amiche ed amici della filosofia,

Thomas Hobbes è un filosofo inglese, autore di “The Leviatan”. Nel suo saggio egli descrive la società umana che gli appare permeata da un profondo senso di lotta fratricida. D’altro canto sua è l’espressione “Homo homini lupus” secondo la quale gli uomini si comporterebbero da lupi gli uni con gli altri.

Le motivazioni di questa lotta possono essere molteplici: amore, denaro o desiderio di potere.

Appare pertanto straordinario il messaggio del piccolo Auggie, protagonista del film “Wonder”, con Julia Roberts e Owen Wilson, afflitto da una deformazione al viso.

In un mondo dominato dalla rabbia, egli parla di gentilezza: “Quando puoi scegliere tra l’essere giusto e gentile, scegli di essere gentile”.

Dov’è la nostra gentilezza? Siamo solo lupi?

Maria Domenica Depalo

You find the English version on the following page–>

Quesito numero cinquantatre

discount

Quesito numero cinquantatre

Saldi, sconti, prezzi più bassi: soldi da spendere e spandere. Pantaloni, vestiti, scarpe, trucchi: eccessi che strabordano e sembrano non avere limiti.

Il superfluo sembra diventare necessario e fondamentale persino al nostro “Io”. Non possiamo quasi farne a meno. Persino nei nostri atteggiamenti e modi di fare talvolta cerchiamo l’eccesso e lo vogliamo mostrare anche a costo di sminuire o modificare la nostra persona.

A tal proposito Bruce Lee, che non era solo un esperto di arti marziali e attore, ma anche un filosofo parlava persino di un’“infermità di un eccesso di autocoscienza” che si manifesta in alcuni “desideri”:

“[…] il desiderio di vittoria; il desiderio di ricorrere ad astuzie tecniche; il desiderio di esibire tutto ciò che si impara; il desiderio di incutere soggezione all’avversario; il desiderio di abbandonarsi ad un ruolo passivo; il desiderio di liberarsi di qualunque infermità da cui si sia eventualmente affetti”.

Quanti e quali sono i nostri eccessi?

Riferimento:

https://le-citazioni.it/parole-chiave/eccesso/

Maria Domenica Depalo

English version

Discounts and lower prices: money to spend and spread. Everything seems cheaper in this period of the year. Pants, clothes, shoes, make – up: the excesses overflow and you have the sensation that they don’t want to have limits.
The superfluous seems to become necessary and fundamental even to our “I”. We change our personality, attitudes and behaviour in order to show the excesses.
Bruce Lee, who was not only an expert in martial arts and actor, but also a philosopher, spoke about an “infirmity of an excess of self-awareness” that manifests itself in some “desires”: “[…] the desire to win; the desire to use technical tricks; the desire to exhibit everything you learn; the desire to instill subjection to the opponent; the desire to surrender to a passive role; the desire to be free from infirmities you may be suffering”.
How many and what are our excesses?
Reference:
Maria Domenica Depalo

 

 

Quesito numero cinquantadue

sculpture

Quesito numero cinquantadue

Parole rumorose, parole silenti, parole che scorrono veloci oppure lentamente, parole “sole” o “in compagnia”: le pensiamo, le pronunciamo e le organizziamo in frasi e discorsi sperando di dar voce a pensieri ed emozioni. Tuttavia spesso vengono perdute. Perché? Perché talvolta vengono solo “sentite” e non “ascoltate”.

Spesso infatti ci limitiamo a percepirne solo il flusso superficiale senza voler cogliere in silenzio ciò che va al di là della mera superficie delle lettere.

Perché non ascoltiamo? Perché preferiamo sentire? Forse perché siamo troppo chiusi in noi stessi. Proprio lo scrittore americano Chuck Palahniuk d’altronde afferma che:

“La gente non ascolta, aspetta solo il suo turno per parlare” ( da aforisticamente.com).

Voi cosa ne pensate? Quanto siete disposti ad ascoltare realmente le parole del prossimo? Siete disposti ad aprirvi al punto da accogliere appieno le parole del vostro interlocutore?

English version

Noisy words, silent words, words that flow fastly or slowly: we think of them, we pronounce and organize them in sentences and speeches hoping that they are able to give voice to our thoughts and emotions, but often they are lost. Because sometimes they are only “heard” in a superficial way and not “listened” deeply and with attention.

Rarely we go beyond the mere surface of the letters. Why don’t we listen? Why do we prefer to hear? Perhaps because we are too closed in ourselves. The American writer Chuck Palahniuk, moreover, states that:

“People do not listen, just wait their turn to talk” (from aforisticamente.com).

What do you think about it? How are we willing to listen?

Maria Domenica Depalo

Quesito numero cinquantuno

fantasy

Se la moglie non gli avesse fatto notare il modo in cui il suo naso pendeva, probabilmente la vita di Vitangelo Moscarda sarebbe proseguita come al solito, cioè in modo abbastanza ordinario e quasi noioso.

Abbiamo osato nominare il protagonista di “Uno, Nessuno e Centomila” di Luigi Pirandello per parlare di identità e domandarci chi e che cosa la determina.

“Non mi conoscevo affatto, non avevo per me alcuna realtà mia propria, ero in uno stato come di illusione continua, quasi fluido, malleabile; mi conoscevano gli altri, ciascuno a suo modo, secondo la realtà che m’avevano data; cioè vedevano in me ciascuno un Moscarda che non ero io non essendo io propriamente nessuno per me: tanti Moscarda quanti essi erano”. (da “Uno, Nessuno e Centomila)

Apparentemente criptica ed incomprensibile, attraverso il pensiero di “Gengé”, Pirandello ci pone una serie di domande dalle risposte non per niente ovvie.

  1. Chi sei?
  2. Chi sei per te stesso?
  3. Chi sei per gli altri?
  4. Le risposte alle domande numero due e tre coincidono?
  5. Se le risposte non coincidono, cosa ne è della nostra identità?

Link:

https://freewordsmagazine.wordpress.com/2017/06/28/luigi-pirandello-il-figlio-del-caos/

https://freewordsmagazine.wordpress.com/2017/08/23/un-incontro-in-una-sera-destate-intervista-ad-enrico-lo-verso/

https://www.frasicelebri.it/s-libro/uno-nessuno-e-centomila/

Maria Domenica Depalo

English version:

If his wife hadn’t pointed out that his nose was “strange”, probably Vitangelo Moscarda would have continued his ordinary and sometimes boring life.

We talk about the main character of “One, None and One Hundred Thousand” by Luigi Pirandello to talk about identity.

“I didn’t know myself at all, I had no reality of my own for myself, I was in a state of continuous, almost fluid, malleable illusion; the others knew me, each in his own way, according to the reality they had given me; that is, they saw in me each a Moscarda that was not me, since I wasn’t really anyone for me: as many Moscarda as they were “. (from “One, None and One Hundred Thousand”)

Pirandello’s words above seem cryptic and incomprehensible but they could be the right instrument to analyze these questions. Are you ready?

  1. Who are you?
  2. Who are you for yourself?
  3. Who are you for the others?
  4. Do the answers to the questions number two and three coincide?
  5. If the answers don’t coincide, what happens to our identity?

Links:

https://freewordsmagazine.wordpress.com/2017/06/28/luigi-pirandello-il-figlio-del-caos/

https://freewordsmagazine.wordpress.com/2017/08/23/un-incontro-in-una-sera-destate-intervista-ad-enrico-lo-verso/

https://www.frasicelebri.it/s-libro/uno-nessuno-e-centomila/

Maria Domenica Depalo

 

 

 

quesito numero cinquanta

book

quesito n. 50

“Le persone che non credono alle fate? Non vale la pena conoscerle”. (Tori Amos)

Cosa ne pensate? Non credete anche voi che bisogna lasciare più spazio all’immaginazione e alla fantasia in modo da nutrire una realtà talvolta fin troppo dura?

E voi credete alle fate?

Maria Domenica Depalo

English version:

“People who don’t believe in fairies, it’s not worth knowing.” (Tori Amos)

What do you think about her sentence? Which role has fantasy in your life?

And you, do you believe in fairies?

Maria Domenica Depalo

 

 

quesito numero quarantanove

time

Quesito n. 49

“Il tempo, ciò che gli orologi quantificano e misurano, è qualcosa che consiste nel passare. Il tempo è, per eccellenza, ciò che passa e i cronometri raccontano il suo passaggio. È un passare incessante, infaticabile, inesorabile: non si ferma mai. È un flusso”. (da “Meditazioni del Chisciotte” di J. Ortega y Gasset, Giunti Editori Napoli, p. 197)

Noi dove ci collochiamo in questo flusso? Ne cogliamo lo scorrere? Abbiamo tempo di pensare al tempo ma soprattutto siamo consapevoli di poterlo perdere o di non saperlo usare appieno ed in modo giusto?

Maria Domenica Depalo

English version:

“Time, what the clocks quantify and measure, is something that consists of passing in. Time is, par excellence, what passes and the chronometers tell its passage: it is an incessant, indefatigable, inexorable passing: it never stops. It is a flow “. (from “Meditations of the Quixote” by J. Ortega y Gasset, Giunti Editori Naples, page 197)

Where do we place ourselves in this stream? Do we feel the flowing? Have we enough time to think about time but above all are we aware of being able to lose it and about the risk to waste it?

Maria Domenica Depalo

Quesito numero quarantotto

inside

Quesito n. 48

Buongiorno amiche ed amici della filosofia,

oggi affrontiamo un tema delicato e complesso inerente una condizione purtroppo molto diffusa. Parliamo della solitudine, di quella che non è nostra per scelta ma che siamo costretti a vivere con dolore e dalla quale tentiamo di fuggire in qualsiasi modo. Ci riempiamo di impegni e compiti, corriamo a destra e a sinistra, ci circondiamo di persone, voci e rumori per sfuggirle ma essa continua ad albergare in noi come sentinella di quella mancanza che continua a tormentarci ogni giorno.

Come possiamo superare questo status quo? Intendiamoci, la solitudine può essere uno strumento proficuo per rigenerare se stessi. Tuttavia quando diventa una condizione che si subisce può diventare un tormento.

Quando ci sentiamo più soli? Come possiamo superare la solitudine? Credo che l’unica risposta ad entrambi i quesiti sia l’amore. Parlo di quello per se stessi ma anche per l’altro da sé. Cosa ne pensate?

Non ci fu più alcun mistero. Furono l’uno per l’altra. Nella solitudine furono insieme”, tratto da “Il dono e altri racconti”.
©MariaDomenicaDepalo

English version:

Good morning philosophers,

today we will talk about loneliness. Sometimes it is a voluntary choice, necessary to our identity and personal evolution but in other cases it’s a drama able to destroy and corrupt who suffers.

We sorround us with noises, sounds, voices and persons in order not to listen our solitude that screams loudly.

When does the loneliness appear to you? How do you fight it? I suppose that the best way to face it is love, love for yourself and for the others. Do you agree?

Maria Domenica Depalo

 

quesito numero quarantasette

meditazione

Quesito n. 47

Buongiorno, amiche ed amici.

Siamo talmente presi dalle vicende quotidiane e dal susseguirsi incessante di impegni da dimenticare molto spesso noi stessi. Temiamo di non riuscire a portare a termine i nostri programmi e quindi corriamo, andiamo veloci e continuiamo a farlo dimenticando spesso e volentieri di prendere fiato.

Parole e suoni appaiono talvolta non armonia ma un groviglio di rumori dal quale dover fuggire per stare meglio e riscoprire se stessi.

“Il dramma degli uomini è non trovare mezz’ora di silenzio”, afferma Blaise Pascal, uno dei filosofi che preferisco, cogliendo appieno il valore primario del silenzio che è quello di essere fonte di riflessione.

Quale valore diamo al silenzio ma soprattutto la mancanza di suoni è sempre silenzio? Dove abita il silenzio?

Maria Domenica Depalo

English version

Good morning philosophers,

today we talk about silence and about its value in our life. We run so fastly everyday, directed to our purposes, goals and targets forgetting to slow down and to discover ourselves again or for the first time.

We are surrounded by so many sounds, words and noises we have to escape because they are obstacles to our ability to reflect about our person and about everyone and everything.

Blaise Pascal says, “The drama of men is not to find half an hour of silence”. I agree.

What kind of relation have you with silence? Where does it live?

Maria Domenica Depalo

 

quesito numero quarantasei

hope

Quesito n. 46

Dopo una lunghissima pausa rieccoci con i nostri quesiti. Le domande costituiscono la parte più importante della nostra essenza perché grazie a loro ed al loro potenziale di risposte date o mancate, certe o incerte costruiamo chi siamo. Quindi non possiamo che ricominciare con i nostri interrogativi.

Partiamo da un pensiero espresso dallo scrittore norvegese, Jostein Gaarder, autore del bestseller “Il mondo di Sofia”, “L’enigma del solitario”, “La ragazza delle arance” e numerosi altri libri:

“Ma sognare qualcosa di improbabile ha un proprio nome. Lo chiamiamo speranza”.

Non avevo mai pensato di legare il concetto di speranza a quello di improbabilità. Spesso speriamo qualcosa perché riteniamo che sia “possibile” ma mai perché sia improbabile. Del resto ciò che è improbabile viene spesso associato a ciò che è impossibile.

Gaarder invece dà all’improbabilità un’accezione nuova, più positiva e propositiva vestendola di possibilità.

Voi che rapporto avete con la speranza? In cosa sperate? Dove abitano le vostre illusioni e disillusioni?

Maria Domenica Depalo

 

English version:

Here we are, again, with our questions after some days. The questions are probably the most important part of our essence. Infact they determine who we are, our features and play an important role during our personal evolution.

So let’s start with a thought expressed by the Norwegian writer, Jostein Gaarder, author of the bestseller “The world of Sofia”, “The enigma of the lonely”, “The girl of the oranges” and many other books:

“But dreaming something that is improbable has its own name. We call it hope”.

We often hope for something because we believe it could be “possible” but never because it is improbable. After all, what is improbable is often associated with what is impossible. Gaarder gives to the improbability a new meaning, more positive and proactive, linking it with possibilities.

What relationship have you with hope? What do you hope for? Where do your illusions and disillusions live?

Maria Domenica Depalo